Notice: Undefined variable: ret in /home/federico89/public_html/wp-content/plugins/simple-google-analytics/class/Output.class.php on line 139

Sono una quarantina le persone giunte oggi da tutta la Terza Circoscrizione per dare una mano alla seconda parte dell’iniziativa di ripulitura dell’area verde di pertinenza della Casa colonica del Saval, promossa dal consigliere comunale Pd Federico Benini assieme al Terzo Circolo Pd “Enzo Biagi”.
Sulla scia dell’entusiasmo per i risultati ottenuti tre settimane fa, quando con l’aiuto di una trentina di volontari venne liberata da erbacce e rifiuti l’intera parte anteriore del giardino, si è sviluppata nel quartiere del Saval e nei quartieri limitrofi una vera e propria gara di solidarietà tra i cittadini. L’appello diffuso via chat e via email dagli organizzatori ha raccolto in poche ore numerose adesioni. Perfino il centro anziani dello Stadio ha voluto contribuire alla riuscita dell’iniziativa fornendo in prestito un tosaerba a benzina e un decespugliatore.
Più volontari e più mezzi hanno così consentito di portare a termine l’opera di ripulitura anche sul del retro della Casa – la parte più impegnativa in quanto più vasta e sporca – dove sono stati accumulati e smaltiti decine di sacchi di erba e di rifiuti.
“Per la seconda volta il quartiere ha risposto in modo massiccio all’appello – commentano Federico Benini, consigliere comunale Pd capogruppo e Riccardo Olivieri segretario del terzo Circolo Pd – questo deve suonare da sveglia rispetto all’indifferenza dell’amministrazione che sulla possibilità di recupero della Casa colonica la sta tirando troppo per le lunghe. Questa mobilitazione civica significa che il quartiere vuole che l’immobile non sia abbandonato a se stesso. Come Pd abbiamo presentato un progetto che consente di convertire la proprietà in servizi a supporto della famiglia e della socialità con la realizzazione di un ampio giardino pubblico, un asilo nido, un centro anziani e un centro di aggregazione giovanile. Se la strategia dell’amministrazione è quella di attendere ulteriori crolli per poi dichiarare il recupero troppo costoso, sappia che il quartiere non ci sta e che resta in attesa di risposte concrete”.

Categorie: Saval

Lascia un commento