Notice: Undefined variable: ret in /home/federico89/public_html/wp-content/plugins/simple-google-analytics/class/Output.class.php on line 139

La retromarcia della Lega sulla fusione di Agsm con Aim e A2A, ora ufficializzata anche dalle dichiarazioni inequivocabili del segretario politico nonché assessore Nicolò Zavarise, secondo il quale in cda di Agsm il rappresentante in quota Lega non voterà mai per la fusione con A2A, conferma l’incapacità della maggioranza guidata da Sboarina di dare una direzione di sviluppo alle aziende veronesi e più in generale di dare un programma di governo alla città di Verona.

Evidentemente le rassicurazioni del Sindaco in consiglio comunale straordinario di un “sereno e imparziale” confronto tra le varie proposte di alleanze, oltre quella di A2A, non ha convinto nemmeno i principali alleati di governo del Sindaco.

Per quanto ci riguarda, come Pd ribadiamo la necessità di rafforzare la posizione di Agsm sul libero mercato attraverso una oculata politica di alleanze, da determinarsi alla luce del sole di una procedura ad evidenza pubblica.

E’ tuttavia evidente da quanto dichiarato dallo stesso Zavarise che la frattura tra Lega e Verona Domani da una parte e il Sindaco dall’altra parte, è ben più profonda e va al di là della sola questione di Agsm.

Se fossimo nei panni di Sboarina, con metà della giunta e buona parte della maggioranza consiliare contro su tutte le decisioni strategiche più importanti; con la plateale bocciatura dell’unica operazione di una certa rilevanza partorita in tre anni dalla sua amministrazione, penseremmo seriamente alle dimissioni.

Con quali presupposti politici e amministrativi il Sindaco pensa di riuscire a portare a termine il suo mandato? Dal momento che Lega e Verona Domani gli hanno dichiarato apertamente guerra, l’unica cosa sensata da fare è di risparmiare alla città un quotidiano tiro al piccione che sprofonderebbe l’amministrazione in una sorta di palude politica. Dimettendosi.

Federico Benini, consigliere comunale Pd capogruppo

Categorie: Sviluppo economico

Lascia un commento