Notice: Undefined variable: ret in /home/federico89/public_html/wp-content/plugins/simple-google-analytics/class/Output.class.php on line 139

La partecipatissima assemblea che si è tenuta ieri sera nella sala della parrocchia di San Domenico Savio in Borgo Milano ha messo a nudo tutte le criticità del progetto della nuova residenza sanitaria per anziani che la proprietà dell’area verde (fino a pochi mesi fa in uso alla parrocchia) vorrebbe realizzare.
“Si annunciano enormi problemi di viabilità in una zona già congestionata che vedrà realizzati anche altri insediamenti attrattori di traffico” hanno osservato i consiglieri della Terza Circoscrizione Matteo Dalai e Sergio Carollo. “Irrisolvibile, in particolare, la questione della sosta: l’ipotesi di creare un parcheggio per i dipendenti ad alcuni minuti di distanza a piedi dalla struttura è semplicemente irrealistica, la verità è che tra cambi turno del personale e le auto dei parenti dei 120 pazienti in visita, il parcheggio davanti alla chiesa verrà permanentemente occupato da almeno 80 auto, soffocando ulteriormente il quartiere”. I due consiglieri fanno notare inoltre che il progetto è totalmente privato, in questo la Regione ha bloccato gli accrediti di nuove strutture, e che le rette, salatissime e comunque superiori ai 100 euro al giorno, saranno a carico degli ospiti e dei famigliari, ragion per cui in pochi potranno permettersi il soggiorno.
Il capogruppo Pd Federico Benini ha posto l’accento sul fatto che “nelle immediate vicinanze, via San Marco, all’altezza di via Umbria, verrà realizzata un poliambulatorio, il che complicherà ulteriormente la viabilità e la sosta in zona. E’ da irresponsabili fingere di non vedere queste criticità”.


Considerato che tale area è uno spazio verde unico e prezioso per la comunità e dovrebbe essere destinata ad uso pubblico, così come era stato approvato, con un ordine del giorno, all’unanimità dal consiglio comunale, la consigliera Carla Padovani ha invitato l’amministrazione a proporre alla proprietà una permuta con altri terreni in modo da trasferire tale costruzione in altra area e realizzare qui un’area a verde pubblico. Ora la palla passa all’amministrazione.

Categorie: Borgo Milano

Lascia un commento