Notice: Undefined variable: ret in /home/federico89/public_html/wp-content/plugins/simple-google-analytics/class/Output.class.php on line 139

L’unico risultato finora ottenuto dal cosiddetto piano per la mobilità d’emergenza introdotto dagli assessori Segala e Zanotto è quello di salassare gli automobilisti che sono tornati, spesso ignari, a transitare ai 50km/h in Circonvallazione Maroncelli diventata all’improvviso, e senza alcuna modifica viabilistica, una zona 30.

L’avevamo detto fin dall’inizio: le Zone 30 non si istituiscono con un tratto di penna, vanno accompagnate da una adeguata informazione e da provvedimenti viabilistici adeguati, come restringimenti di carreggiata, interventi per limitare i rettilinei e tutto l’armamentario ben noto delle misure di moderazione del traffico. La velocità del traffico non si abbassa per decreto ma attuando provvedimenti adeguati e facendo spazio alle forme di mobilità sostenibili.

Invece, in questa fase di emergenza post coronavirus, con il trasporto pubblico ridotto al lumicino a causa delle misure di distanziamento sociale, l’amministrazione non ha fatto nulla di concreto per promuovere ciclabilità e pedonalità.

Al momento non è stata annunciata nessuna applicazione dei nuovi strumenti a sostegno della mobilità sostenibile contenuti nel Decreto Rilancio, a partire dalla “corsia ciclabile” che può essere realizzata su qualunque strada praticamente a costo zero.

Chiediamo dunque che venga finalmente convocata la commissione consiliare sul Piano per la Mobilità di Emergenza, su cui insistiamo da un mese, al fine di aggiornare i contenuti del Piano, finora decisi in solitudine da Zanotto e Segala, con i nuovi strumenti previsti dal Decreto Rilancio. Bici, pedoni e monopattini devono essere messi nelle condizioni di muoversi in sicurezza non solo all’interno del centro storico, ma anche e soprattutto all’interno dei quartieri.

Chiediamo di sbloccare le poche nuove ciclabili che sono in cantiere da ormai un decennio (ad esempio la San Zeno-Saval). Chiediamo che la nuova ciclabile tra Porta Palio e Castelvecchio, i cui lavori, stando agli annunci, sarebbero in fase di avvio, non resti un’isola nel deserto ma sia strumento per assicurare anche ai residenti dello Stadio un collegamento ciclabile sicuro e diretto con il centro storico risolvendo una volta per tutte le criticità che ancora ci sono a monte.

Per il gruppo consiliare comunale Pd
Federico Benini, Elisa La Paglia, Stefano Vallani

Categorie: Piste ciclabili

Lascia un commento