Notice: Undefined variable: ret in /home/federico89/public_html/wp-content/plugins/simple-google-analytics/class/Output.class.php on line 139

Con il passaggio nelle Circoscrizioni l’amministrazione Sboarina avrebbe avuto l’occasione di coronare un percorso di ridimensionamento della pressione cementificatoria sulla città. Pur evidenziando ancora notevolissime criticità (ad esempio in Quinta Circoscrizione la cubatura aumenta anziché diminuire) la Variante 23 rimodulata ha mostrato la volontà di tenere conto anche dei nostri suggerimenti e dei nostri ordini del giorno.
Il fatto che si neghi ora alle Circoscrizioni il tempo necessario a valutare i cambianti inseriti – riducendo da 40 a 15 i giorni consentiti per fornire un parere sul nuovo testo  – rappresenta un grave errore poiché rischia di spostare il dibattito dal piano del merito a quello politico.
Come evidenziato anche dal Segretario generale comunale oggi in commissione, non esiste alcuna scadenza istituzionale che giustifichi la procedura d’urgenza e il taglio dei tempi alle Circoscrizioni. E i 5 giorni in più offerti oggi (rispetto all’ipotesi iniziale di 10 giorni) rischiano di apparire soltanto come un ulteriore smacco.
Con questa decisione l’amministrazione Sboarina mostra di seguire le orme della precedente amministrazione Tosi calpestando le autonomie e il ruolo delle Circoscrizioni che in campagna elettorale aveva dichiarato di volere difendere e promuovere.
La rimodulazione della Variante 23 non è un provvedimento caduto tra capo e collo: la giunta l’ha meditato per mesi (quasi un anno), che senso ha, adesso, imprimere tale accelerazione? Sotto questo aspetto non è cambiato nulla.

Il gruppo consiliare comunale Pd
Carla Padovani, Federico Benini, Elisa La Paglia, Stefano Vallani

Il segretario cittadino Pd
Luigi Ugoli

Categorie: Urbanistica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *